Maurizio Mangialardi

Maurizio Mangialardi

Una campagna regionale complessa, tra voglia di estate, normativa anti-covid e tanti punti da recuperare.

Una campagna Consenso.pro

Servizi realizzati in sintesi

Progettazione Brand di campagna e immagine coordinata.
Progettazione grafica materiale stampa.
Ideazione e realizzazione del Sito Internet mauriziomangialardi.it
Social Media: dalla strategia, all’ideazione di format, dalla scrittura dei post alla moderazione dei commenti.
Community management: telegram, whatsapp ecc.

Cosa ci è piaciuto

Lavorare con Consenso.pro, il miglior network di professionisti della comunicazione politica.
Veder crescere i profili social del candidato, costruire uno storytelling sempre più originale, avere tassi di engagement spaziali.
Il Candidato e il suo staff: generosi, coraggiosi e sempre pieni di energia.
Le Marche, le sue bellezze, i suoi dialetti e la sua cucina.

Brand Identity

Maurizio Mangialardi è un ottimo amministratore pubblico, in 10 anni da sindaco di Senigallia ha fatto rinascere la sua città e conquistato la fiducia dei sindaci delle Marche che lo hanno scelto come presidente Anci. Ora la sfida è portare le Marche in testa.

Maurizio Mangialardi Presidente

Un logotipo che ha marchiato tutti i materiali della campagna con l’obiettivo di aumentare la notorietà del cognome del candidato e mandare a tutti un messaggio chiaro: si vota per le Marche, si vota per il suo Presidente.

Il candidato Rockabilly

Il taglio di capelli del candidato, caratterizzato dal “ciuffo”, diventa un elemento iconografico. Un elemento caratterizzante per rappresentare il sindaco che ha reso famosa la sua città grazie al “Summer Jamboree”, il festival rockabilly più apprezzato d’Italia. Un’icona dal taglio ironico, utilizzata per i materiali più informali, come la call volontari e il tour estivo.

L’hashtag di campagna

Un hashtag che descrive metodo e fine per raccontare un candidato costantemente concentrato sul futuro della sua regione e sul lavoro da fare per tornare ad essere “la California d’Italia”. Una doppia lettura utile anche a marcare la differenza da un avversario che provava a “nazionalizzare” la campagna.

Simbolo lista

La M di Marche, di Maurizio e di Mangialardi si fondono con il Picchio, simbolo della regione. La prima lettura è sul cognome del candidato mentre i colori garantiscono la riconoscibilità del simbolo.

Font

Dal far west americano di fine XIX secolo, al profondo centro marchigiano del 2020, il Roc Grotesk – Wood Type per eccellenza – è stato fra i tratti più distintivi della campagna di Mangialardi. Così come le Marche, regione di mare e monti, il font si caratterizza per una poliedricità pronunciata (nuove pesi e cinque misure), che non compromette mai le impostazioni di visualizzazione.

Color palette

Il colore simbolo dei borghi, l’arancione, incontra quello del mare, il blu, per descrivere e raccontare l’unica regione plurale d’Italia. Al di là delle divisioni campanilistiche il progetto abbraccia tutta la regione: da Nord a Sud, dalla costa all’entroterra.

Campagna di comunicazione online

Social Media – Web Design – Motion Graphic – Spot Video

Campagna di comunicazione offline

Affissioni – Merchandising – Eventi

Risultati

Una campagna elettorale di rincorsa, con tanti voti recuperati rispetto alle europee e – in termini assoluti – molti più voti dell’ultimo candidato eletto. Voti che non sono però bastati a cambiare l’esito di un’elezione che a molti sembrava già scritto.

Altre categorie